martedì 22 novembre 2011

Ero andata a comprare il pane...


E rieccomi qua!...come si dice dei fuggiaschi...era andata a comprare le sigarette e non è più tornata [nel mio caso, il pane]
Si, lo so, avrei potuto anche lasciare una nota, tipo "chiuso per ferie" o "ci si rivede in autunno" o robe del genere, ma chiedo scusa, non mi è proprio passato per la mente.
E così, dopo un'estate e metà autunno di frenetico lavoro, posso ricominciare a dedicarmi alla cucina, non spesso come prima, ma quel tantino che basta a rendere omaggio alla tavola e di conseguenza ad aggiornare questo piccolo spazio flor-culinario [???]. Naturalmente facendo i miei soliti giri tra i vostri, di spazi culinari, che tanto mi piacciono e tanto mi ispirano.
A tutti quelli che mi seguivano e che stoicamente mi hanno aspettata [!!!], oggi dedico un pane davvero speciale, dolce e piacevolmente aromatico, perfetto per le giornate che iniziano ad accorciarsi, col buio che arriva in fretta e l'aria frescolina che fa stizzire il naso...

Pane con miele e sesamo

Per gli ingredienti e la preparazione dell'impasto procedete esattamente come per le Chiocciole alla marmellata di prugne che trovate qui. Una volta lievitato l'impasto, stendetelo in un rettangolo unico, spalmatelo di miele, meglio se di castagno [dona un gusto più aromatico e deciso], cospargete di semi di sesamo e arrotolate il rettangolo di pasta, spolverando con un velo di farina; lasciate lievitare per un'altra oretta circa, dopodiché infornate a 170° per 1/2 ora, fino a che la superficie del pane non sarà bella dorata.
Vi consiglio di gustare questo pane ancora tiepido, molto fragrante e soffice.


Per finire, lasciatemi presentare uno degli alberi più belli e colorati dell'autunno, il Sorbo montano (Sorbus aria), che con le sue splendide bacche rosse dona ai boschi note profondamente colorate e calde. E' un albero  che vive spontaneamente nei boschi di latifoglie del Nord Italia, ma spesso viene anche utilizzato in parchi e giardini, per le bellissima colorazione delle foglie argentate nella pagina inferiore e, ovviamente, per il rosso vivo dei sui frutti autunnali, dei quali gli uccelli son ghiotti. Non solo gli uccelli però sono amanti di queste bacche: si dice infatti che i Celti e i Germani le considerassero uno dei principali nutrimenti degli dei, oltre ad essere amuleto contro fulmini e sortilegi. Ma allora, perché non piantare un Sorbo nel proprio giardino?? Io ci sto pensando, visto i tempi che corrono...

15 commenti:

  1. Meeeeeeeg!!!!!!!!!!!!!!!
    finalmente!
    che bello rileggere di fiori e piante raccontati da te!
    Da noi la sorba però non ha questo aspetto così piccino,il frutto è a grappoli o ciuffi che dir si voglia ma il colorito tende al marrone e la dimensione di ogni frutto è all'incirca di 3 cm di diametro.
    Io le ho riviste dopo decenni qualche settimana fa in un paesino qua vicino sul banco di una sagra ed era indicato come frutto dell'amore ^_^.
    Erano particolarmente apprezzate dal mio papà che le raccoglieva andando a caccia.....ma chissà di quale frutto parlo!! Lui le chiamava sorbe!
    baci e bentornata

    RispondiElimina
  2. Avevo proprio voglia di (ri)leggere e apprezzare le tue bontà, come per esempio questo delizioso pane al miele :)

    Un abbraccio affettuso

    RispondiElimina
  3. Un pane davvero molto buono e che scalda il cuore in queste giornata autunnali!! Bentornata e un bacione!!

    RispondiElimina
  4. Ma ben tornata!! io ogni tanto son venuta a vedere se c'eri ancora, 'ché a volte si pubblicano post in orari che poi perdo e per tanto tempo mi capita di nn vedere qualcuno, quindi grazie per questa bellissima ricetta, al pnabrioche arrotolato nn avevo ancora pensato, però che meraviglia!

    RispondiElimina
  5. deve essere troppo buono! simpaticissima anche l'idea della girella ;)
    vale

    RispondiElimina
  6. importante che non ci hai dimenticato, per questo pane più che perdonata :-)

    RispondiElimina
  7. Beh, allora ben tornata! QUesto tuo rientro è davvero goloso direi, un ottimo pane, soffice e ben lievitato è perfetto!

    RispondiElimina
  8. Un bella ricetta ed è un piacere rileggerti
    ciao♥

    RispondiElimina
  9. una ricetta niente male complimenti mi sono aggiunta se ti fa piacere passa a trovarmi

    RispondiElimina
  10. Adesso rimani con noi! Grazie per la ricetta, niente male!!!

    RispondiElimina
  11. Ben tornata!! E con che meraviglia di pane! Il sorbo lo conosco bene perché mio padre ne ha moltissimi alberi piantati in giro a campi...Non l'ho mai assaggiato ma mia sorella sì, e dice che è molto buono!
    Baci e buona domenica

    RispondiElimina
  12. Grazie a tutti del bentornata!

    RispondiElimina
  13. E sì cara Meg, un bel sorbo benaugurale mi sa che ci vorrebbe proprio anche da me! Felicissima di rileggerti, grazie della ricetta di questo pane, il profumino è arrivato fin qui! Buona settimana! Any

    RispondiElimina
  14. Ma bentornata cara, finalmente :-)

    Felicissima di rileggerti e questa ricetta è fatta per me! Assolutamente da provare!

    Un'abbraccio, Gina

    RispondiElimina
  15. Che meraviglia questo pane dolce. mi piace davvero tanto :)
    E bentornata tra noi! :)

    RispondiElimina